Pubblicato da: CSpadoni | 1 febbraio 2011

Il web per l’agricoltura ‘intelligente’

Mi ha colpito la frase del comunicato stampa ufficiale appena ricevuto da Veneto Agricoltura
quindi la riporto di seguito:

Inoltre una “agricoltura intelligente” può oggi concretizzarsi anche grazie alla rete Web. Le risorse pubbliche devono favorire questi processi con investimenti nelle infrastrutture (banda larga), e attraverso l’alfabetizzazione informatica.

Segue il testo completo del comunicato stampa.

“UN’EUROPA INTELLIGENTE” VUOLE UN'”AGRICOLTURA INTELLIGENTE”

La Conferenza regionale dell’Agricoltura e lo Sviluppo rurale che si terrà in Fiera a Padova il prossimo venerdì 11 Febbraio (dalle ore 9,00) e che vedrà presenti oltre a tutte le componenti del mondo agricolo veneto – la sala Carraresi contiene 400 persone, è previsto il pienone -, Luca Zaia, Paolo De Castro, Franco Manzato, la Commissione europea (Loretta Dormal Marino, Direttore aggiunto DG Agricoltura) e il MIPAAF (Adriano Rasi Caldogno Capo Dipartimento politiche competitive), arriva prima in Italia in un momento di grande fermento.
I cosiddetti Stati generali dell’agricoltura sono richiesti da tempo dalle organizzazioni professionali agricole nazionali.  Il Veneto ha iniziato questo percorso lo scorso primo Ottobre nella Corte Benedettina di Veneto Agricoltura a Legnaro (PD), declinandolo poi attraverso cinque seminari tematici di approfondimento.
Il primo aveva come tema: “Innovazione, informazione e filiera della conoscenza: le condizioni necessarie per la crescita dell’impresa e lo sviluppo del sistema”. Coordinato da Giacomo Zanni (Università di Ferrara), assieme a docenti, tecnici e attori del settore primario,  le conclusioni sono partite dalla considerazione che tra gli obiettivi prioritari delle politiche europee, come scritto nel documento Europa2020 che parla di una “Europa intelligente”, c’è un’economia basata sulla conoscenza e sull’innovazione. L’agricoltura veneta sconta limiti quali la frammentazione e la limitata dimensione delle imprese. Soluzioni? Il Partenariato che può coinvolgere ricercatori, produttori, trasformatori e distributori, con strumenti esistenti come i PIF (Progetti Integrati di Filiera), i PIA (Progetti Integrati di Area), i Distretti o i Programmi dei GAL. Vanno comunque rimossi inutili vincoli procedurali e fatte maturare competenze lavorando sulla formazione e sui servizi. Inoltre una “agricoltura intelligente” può oggi concretizzarsi anche grazie alla rete Web. Le risorse pubbliche devono favorire questi processi con investimenti nelle infrastrutture (banda larga), e attraverso l’alfabetizzazione informatica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: